Nello scorso articolo è stato esaminato l’argomento del contenzioso bancario spiegando quali sono i possibili motivi che potrebbero provocare l’insorgere di conflitti tra la banca e i suoi clienti.

Nell’ambito della crisi che sta avvolgendo il nostro Paese, è inevitabile che capitino situazioni in cui un cliente si ritrova a non poter rispettare gli accordi presi e a non pagare entro i termini previsti gli affidamenti ricevuti.

Di conseguenza le banche, per recuperare in tempi brevi il credito rimasto insoluto, si ritrovano costrette a rivolgersi a società di recupero crediti.

Prima di proseguire, è opportuno conoscere le differenze tra le varie azioni e procedure che i creditori possono attivare per agire al fine di recuperare il proprio credito: 

  • Azioni giudiziali : sono poste in essere da legali che hanno come obiettivo quello di farsi rilasciare dal tribunale un titolo esecutivo da utilizzare per il recupero del loro credito (es. eseguire pignoramenti) 
  • Azioni stragiudiziali : sono attività poste in essere da società di recupero crediti o anche da legali, che non prevedono l’intervento di un giudice. Con queste attività si cerca di trovare una soluzione bonaria che consente al debitore di onorare i propri debiti o estinguerli anticipatamente (riformulazione di un nuovo piano di rientro o in alternativa pagamento a Stralcio)

Che differenze ci sono tra la procedura stragiudiziale e quella giudiziale?

La scelta tra recupero crediti stragiudiziale e giudiziale dipende dalle circostanze e dagli obiettivi che il creditore vuole raggiungere.

Il recupero crediti stragiudiziale è caratterizzato da tempistiche veloci rispetto alla via legale in quanto questa procedura consiste nel sollecito del pagamento attraverso una raccomandata – chiamata messa in mora – e, solo successivamente alla mancanza del pagamento, si ricorre all’azione legale. 

Per questo motivo, generalmente, si tratta della modalità più usata per ottenere dei risultati in tempi brevi e spendendo cifre non molto elevate.

Il recupero crediti per via giudiziale, al contrario, ha tempistiche più lunghe ed è finalizzato ad obbligare legalmente il debitore a saldare i propri debiti, rivolgendosi appunto ad un tribunale. 

Nel caso in cui il debitore non possa far fronte alla richiesta di saldo, la banca potrà richiedere il pignoramento dei beni del soggetto.

Come avviene il Recupero Stragiudiziale?

Come abbiamo già illustrato, la procedura stragiudiziale di recupero crediti ha come obiettivo un rientro delle obbligazioni rimaste insolute in tempi brevi. Ciò avviene tramite alcune attività che prevedono diverse fasi (passibili di varianti):  

  • viene inviato un sollecito di pagamento 
  • il debitore viene contattato tramite società di recupero crediti, nel momento in cui non da alcuna risposta
  • se al successivo  sollecito, il debitore non provvede al pagamento richiesto; egli si troverà ad affrontare un secondo sollecito in cui verrà richiesto tramite avvocato la riscossione del credito
  • infine, se la società di recupero crediti al termine della procedura stragiudiziale non dovesse riscuotere alcun credito, passerebbe ad un vero e proprio intervento legale e all’attivazione della procedura giudiziale in tribunale 

La risoluzione stragiudiziale del debito che vantaggi comporta?

La procedura stragiudiziale permette di avviare una negoziazione con le banche e gli altri istituti di credito per trovare – attraverso un accordo transattivo o la ristrutturazione del debito una risoluzione ottimale del debito che soddisfi entrambi le parti, senza l’intervento dell’autorità giudiziaria. 

Un vantaggio per entrambe le parti in quanto consente: agli istituti di credito di evitare le lunghe e complesse procedure di recupero e ai debitori di evitare la prescrizione del credito, ridefinire termini di pagamento, tempi e modalità di risoluzione del credito.

Quando e come avviene il Recupero Credito Giudiziale?

A differenza del recupero credito in via stragiudiziale dove il debitore ha margine di trattativa, in fase giudiziale viene invece costretto ad adempiere ai suoi impegni, tramite una sentenza del tribunale. 

Si tratta di una procedura che consente al creditore di depositare un ricorso per decreto ingiuntivo in presenza di un giudice e obbligare il debitore a saldare il proprio debito. 

Sicuramente si tratta di una procedura delicata che prevede diverse fasi: dall’ intimazione di pagamento al debitore all’esecuzione forzata svolta in seguito ad un decreto ingiuntivo.

Infatti, attraverso quest’atto è possibile avviare l’azione forzata sui beni dello stesso debitore attraverso diverse procedure esecutive finalizzate a soddisfare il credito mediante la vendita di un’immobile, il prelevamento forzoso del conto corrente del debitore o la vendita di beni mobili, pignoramenti vari ecc.

Procedure alternative:

Esistono altre procedure alternative che possono essere attivate per la definizione di contenziosi legati a crediti da incassare:

Mediazione stragiudiziale: è un’attività finalizzata alla conciliazione civile tramite appunto il mediatore, un soggetto imparziale che assiste le parti per risolvere la controversia. In questo caso il mediatore è un professionista o un’agenzia specializzata che ha il compito di moderare il dialogo tra le parti, proporre soluzioni e mettere in chiaro la situazione delle parti con tutti i pro e i contro.

Un altro esempio di procedura stragiudiziale è l’arbitrato: è una modalità di risoluzione che evita il ricorso al giudice ma viene gestito dall’arbitro, una figura che può non appartenere all’ambito giuridico o a un collegio arbitrale. Solitamente il collegio è formato da tre arbitri: due scelti da ciascuna delle parti e il terzo che viene scelto da una persona al di sopra delle parti.

Può capitare di aver contratto dei debiti e di ritrovarsi alle prese con la procedura di recupero crediti sia stragiudiziale che giudiziale: per sapere come muoversi è bene rivolgersi a degli specialisti del debito, come noi di SOS debitori che potranno consigliare la strada da seguire per risolvere la situazione debitoria nella maniera più semplice e vantaggiosa.

Se anche tu, stai vivendo una situazione economica e finanziaria a rischio e non sai come risolvere chiamaci al numero verde 800456005, scrivici su Whatsapp, o contattaci alla mail info@debitorisos.it

SOS Debitori è il team di professionisti che ti aiuterà a recuperare la serenità persa.